Bella come Cleopatra

Se in questo numero si parla di pelle e ci avviciniamo al momento dell’anno in cui finalmente ci scopriamo un po’ di più, mi sembra doveroso dedicare un articolo sull’esperienza che le donne che frequentano il Mommy’s Beauty Lounge hanno verso la pratica cosmetica più antica per eccellenza.
Una storia vera un po’ diversa dal solito nata dalla necessità di rispondere in modo concreto ai dati che emergono da alcuni sondaggi creati dalle multinazionali per intercettare i bisogni delle consumatrici verso una necessità considerata “basica” ma che in realtà è carica di significati profondi andati perduti nel tempo.

Dati alla mano

Il 59,4% delle donne italiane lo fa prima delle vacanze ,il 46,6% lo fa prima di un appuntamento importante: non tutti sanno che se oggi la maggior parte delle donne si depila* è per “ colpa” di Cleopatra. Già nell’antico Egitto avere la pelle liscia e completamente depilata era sinonimo di bellezza e purezza, ma anche di levatura sociale ed era un qualcosa riservato solo alle regine, alle principesse e a tutte le donne della nobiltà.
Nel 2018 la Procter&Gamble ha commissionato un sondaggio avente come campione 2.550 donne tra i 18 e i 54 anni che abitualmente si depilano* .
Dall’America all’Europa, è emerso che l’atteggiamento delle donne quando si tratta di gestire i peli in più è decisamente diverso. Per alcune è un piacere ( Francia, Danimarca, Svezia, Germania e Portogallo) tanto da dichiarare di depilarsi* unicamente per se stesse.
Per altre è una necessità ( Inghilterra, Italia, Grecia, Spagna). Il 52% dichiara di depilarsi* perché in qualche modo sente di doverlo fare. La pressione più forte arriva dalla società, che influenza 1 donna su 5 nella scelta di stare sempre in ordine.

Quale metodo scelgono le donne?

Se la motivazione alla base del gesto è diversa , unico è il pensiero per scegliere la metodologia più adeguata alle proprie necessità: massimo rendimento con il minimo sforzo e dolore possibile.
Nel tempo si sono affermate diverse pratiche per depilarsi*: rasoi manuali ed elettrici , cere a caldo, cere a freddo, creme depilatorie, pasta di zucchero fino alle tecnologie laser di depilazione progressiva permanente.
Alcune pratiche sono più dolorose, altre sono totalmente asintomatiche, alcune garantiscono risultati duraturi nel tempo ( un paio di anni), altre danno un risultato temporaneo nel termine di 24/48 ore.
Chi non ha tempo opta per il rasoio,in assoluto il metodo più veloce ed economico, consapevole della schiavitù del gesto che si ripete almeno ogni 48 ore. Non solo però la ricrescita avviene velocemente ma chi opta per questa metodologia deve fare i conti con pruriti, irritazioni e lesioni superficiali.
Chi vuole avere il massimo rendimento con il minimo sforzo sceglie le tecnologie progressive permanenti come laser o luce pulsata .
Rappresentano decisamente il sistema più costoso ma anche quello che può dare i risultati più duraturi. Il grande limite è che questi risultati sono fortemente legati alla condizione ormonale dell persona e al suo tipo di pelle nonché all’esperienza e alla preparazione dell’operatore o della struttura che attua questa metodologia.
Infine ci sono le tradizionaliste che optano per l’appuntamento mensile con la ceretta.
Queste ultime sono quelle che ricoprono la maggior percentuale tra le consumatrici.
La metodica della ceretta però è sempre stata associata all’aggettivo “dolorosa”. E oltre a questa sensazione soggettiva , riscontrabile praticamente in tutte le donne, è una metodica che può generare controindicazioni come peli incarniti, follicoliti di origine batterica, doppia ricrescita, fortissima sensazione di fastidio e bruciore. Esempi questi associabili ad una cattiva tecnica, ad una scarsa condizione igienica( sia del centro che della persona)e ad una carente “manutenzione” della pelle.

LA SFIDA AL MOMMY’S BEAUTY LOUNGE

Sono rarissimi i casi in cui una donna può dire che non avverte alcun fastidio durante questo appuntamento.
Al Mommy’s volevamo che questa affermazione diventasse la normalità portandola ad essere definita INDOLORE.
Ci siamo a lungo impegnate per perfezionare e migliorare il nostro protocollo di lavoro già sicuro dal punto di vista dell’igiene e della tecnica , arricchendolo di attenzioni per garantire la migliore esperienza possibile.
Il punto di svolta lo abbiamo ottenuto grazie al nuovo partner che ci permette di garantire, attraverso una formazione specifica e i prodotti di ultima generazione,

  • zero fastidi
  • zero rossori
  • pelle liscia, pulita e luminosa
  • la possibilità di abbinare un momento unico di benessere.

Abbiamo intervistato le donne che abitualmente frequentano il Mommy’s a poche ore di distanza dalla loro seduta di epilazione e…..

Come è possibile tutto questo?

Semplice, perché quello che con Epilcera (questo il nome del nostro partner) abbiamo fatto è stato trasformare la ceretta in un vero e proprio trattamento del pelo!
La ceretta si è trasformata in un rituale studiato e messo a punto basandosi sull’utilizzo di panni caldi (a seconda della stagione), oli profumati, massaggi, resine naturali che rendono il trattamento epilatorio RILASSANTE, TONIFICANTE e praticamente INDOLORE.

Grazie ad Epilcera abbiamo riportato in vita l’arte di rendere liscia e attraente la pelle della donna coniugando una necessità ( l’essere in ordine) con il piacere di dedicarsi un gesto di profonda femminilità e benessere personale.

Il processo che rende tutto questo rituale cosi speciale si basa su 4 capisaldi:

  • Preparazione accurata della pelle
  • Utilizzo di cere che fondono a bassa temperatura che permettono una maggior piacevolezza e riducono drasticamente il rischio di scottature
  • Utilizzo della mussola naturale in fibra di cotone che permette di non stressare la pelle, garantire la massima aderenza al pelo e scongiurare il rischiod i rossori post epilazione.
  • Trattamento post epilatorio completo e piacevole

“MA E’ SOLO UNA CERETTA!”

E’ questo il punto!
Nel tempo ci hanno portato a pensare che depilarsi sia una cosa da poco, una pratica basica, e i dati dei sondaggi della P&G lo confermano.
Ma il punto è che non è cosi! Ci sono tantissime accortezze che possono rendere piacevole l’esperienza e in alcuni casi questo diventa un imperativo perché ci sono donne per cui farsi la ceretta diventa un’esigenza!

Prendiamo ad esempio le donne che sono al termine della gravidanza e hanno la necessità di arrivare in ordine in sala parto.
Per loro è vietato l’utilizzo di tecnologie di epilazione progressiva permanente e con il rasoio rischiano di tagliarsi perché non hanno agilità e visuale chiara. Hanno una condizione tale per cui tutte le sensazioni relative alla pelle sono amplificate e se optano per la cera cominciano a sudare , nel vero senso della parola , per la paura di sentire dolore.
Perché non creare qualcosa di specifico per loro?

Ci sono poi altre donne, impigrite o sopraffatte dalla routine quotidiana, per cui fissare un appuntamento dall’estetista per fare la ceretta rappresenta il momento per tornare a fare qualcosa per loro.

Ma alla fine piuttosto che inserire un altro impegno , per di più percepito come doloroso, preferiscono optare per il fai da te o rimandare fino a quando la situazione non diventa imbarazzante o arriva l’estate e si scoprono per andare al mare.

Ecco perché quello della ceretta per noi del Mommy’s è un tema molto serio e ci siamo messe di impegno per permettere a tutte le donne che frequentano la nostra realtà di arrivare a dire

* Il termine corretto quando ci si riferisce ai metodi epilatori che estirpano il pelo alla radice è epilazione. Per semplicità e per rispettare il linguaggio dei non addetti al settore si parlerà di “depilazione” pur riferendosi alla pratica di epilazione 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Professioniste dell’estetica e del benessere del Mommy’s Beauty Lounge ti terranno sempre aggiornata sulle novità e i consigli più utili per te! La bellezza non può attendere!
Inserisci la tua e-mail per ricevere GRATIS tutti i nuovi approfondimenti targati Mommy’s.

rivista mommy's institute