La nutrizionista delle mamme risponde alle vostre domande

Le domande delle mamme alla nutrizionista a cura della Dott.ssa Francesca Musaio, Biologa Nutrizionista delle Mamme.

Il 14 Settembre è iniziato il nuovo anno beauty del Mommy’s Beauty Lounge.

L’evento che sancisce questo inizio è il Bodyfit Day, l’incontro che Isotta ha pensato per le mamme che vogliono avere le prime importanti informazioni per conoscere la loro composizione corporea e sapere quali possono essere le soluzioni ai loro problemi di peso e al modo in cui si vedono e ai loro inestetismi.

Quella tra di noi è una sinergia importante a servizio delle mamme perché permette, attraverso le diverse aree di intervento, di stilare un programma davvero personalizzato per chi vuole fare le cose correttamente.


Dopo 9 incontri di questo tipo in cui abbiamo incontrato più di 100 donne, diverse per aspetto, per età e abitudini, ho stilato una lista di tratti comuni e di domande frequenti.


Per ognuna ti indicherò quale può essere la causa e i relativi suggerimenti.

RITENZIONE IDRICA

Un aspetto ricorrente emerso dalle rilevazioni delle composizioni corporee. Il dato che la segnala è l’alterazione dell’acqua extracellulare (in eccesso) e intracellulare (in difetto).

Talvolta a questo si aggiunge anche uno stato di disidratazione. “Ma come? Trattengo acqua, ma risulto disidratata?”

Questa domanda frequente trova risposta nel fatto che una presenza importante di tessuto adiposo presente impedisce all’acqua, seppure si beva tanto, di entrare nelle cellule, perché grasso e acqua sono incompatibili.

Questo spiega perché la riduzione dell’adipe determina un miglioramento anche dell’idratazione.

Cosa fare per la ritenzione idrica?

  • Si può cominciare con interventi mirati dal punto di vista nutrizionale come ridurre il sale e alimenti salati quali insaccati e formaggi stagionati preferendo alimenti alcalinizzanti e diuretici come le verdure.
  • Camminare approfittando delle ultime giornate di sole per migliorare la circolazione linfatica, favorendo così anche la diuresi.
  • E dopo tanto impegno concedersi dei massaggi che andranno a potenziare i risultati ottenuti garantendo un drenaggio dei liquidi e delle tossine accumulate.

DIASTASI

“Perché quando mangio la pancia si gonfia e sembro incinta?”

Dopo aver valutato eventuali connessioni con intolleranza al lattosio, celiachia o intestino irritabile, bisogna inserire tra le possibilità anche la diastasi, cioè la separazione dei muscoli retti dell’addome.

Una condizione possibile sia nelle donne che hanno avuto gravidanze ma anche nei soggetti obesi o che hanno avuto nel corso della vita cicli ripetuti di perdita e recupero del peso (Isotta ha scritto diversi articoli del blog sull’argomento).

È importante quindi convogliare i pazienti verso le figure professionali (nutrizionista, gastroenterologo, ecografista, chirurgo, ecc.) che possano fare una corretta diagnosi del problema.

INSULINO RESISTENZA

“Perché non riesco a perdere peso rapidamente? Come mai ingrasso soprattutto sulla pancia?”

Sono domande molto comuni tra le mamme. La risposta spesso si cela dietro l’insulino resistenza, una condizione patologica che ho ritrovato frequentemente nelle interviste fatte alle mamme.

Si tratta di un’alterazione della risposta delle nostre cellule all’insulina. L’insulina è l’ormone prodotto dal pancreas per regolare la glicemia, ossia il livello di glucosio nel sangue.

Il glucosio, che è per il nostro organismo un po’ come la benzina per la macchina, entra nelle cellule proprio grazie al segnale innescato dall’insulina, ma se le cellule cominciano a “diventare sorde” a questo segnale, ecco che si instaura la resistenza insulinica.

Cosa comporta?

Ad esempio determina una maggiore facilità a prendere peso (soprattutto a livello addominale) così come una maggiore difficoltà a perderlo.

In questi casi oltre all’alimentazione, in cui l’apporto di fibra da verdura, ortaggi e (se necessari) integratori è fondamentale per la modulazione glicemica, riveste un ruolo altresì importante l’attività fisica.

Nelle donne, questa condizione, è spesso associata alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

Spesso si sa di avere cisti ovariche senza aver indagato questa condizione. Se non lo avete mai fatto, parlatene con il vostro ginecologo.

“Da quando sono in menopausa il mio corpo si è trasformato”

Con l’arrivo della menopausa poi, il diverso assetto ormonale, la diminuzione degli estrogeni e dell’azione lipolitica determina un aumento proprio della circonferenza vita, portando anche le donne che in età fertile non hanno mai avuto la pancia, ad assumere una conformazione androide o a mela.

In questa fase della vita il consiglio è di cambiare il proprio rapporto con la scelta del cibo. Alimenti consigliati sono ad esempio quelli ricchi di iodio come pesce, sedano e cavoli per stimolare la funzione della tiroide e quelli contenenti molecole dotate di attività estrogenica, definiti fitoestrogeni, di cui sono ricchi ad esempio salvia e rosmarino.

“NON HO TEMPO DI FARE DOPPIE PREPARAZIONI”

Un’altra situazione comune alle donne e mamme che lavorano è trovare il tempo per mangiar bene.

Fuori casa e in casa entrano in crisi per la preparazione del menù.

Spesso pensano di dover fare delle preparazioni diverse rispetto al resto della famiglia.

In questo caso la mia funzione è quella di essere una sorta di “problem solver” dell’alimentazione, e spiegare che dieta non è pollo e insalata!!!

Dieta in casa significa saper scegliere gli ingredienti, prepararli in maniera gustosa per tutta la famiglia e concedersi qualche volta anche una frittura o un dolce, tornando il giorno dopo ad occuparci della nostra salute e di tutta la famiglia.

Per i pranzi al lavoro si può optare anche per panini con verdura o si può mangiare in mensa o al ristorante avendo cura di scegliere le pietanze e le porzioni più adatte.

A casa impieghiamo per tutta la famiglia il tempo e le energie che dedichiamo all’alimentazione dei nostri piccoli.

Preparare per tutta la famiglia i piatti non solo è un ottimo esempio ma ci permette di non faticare per tornare in forma.

EFFETTO YO – YO

Molte delle mamme incontrate hanno spesso parlato della loro vita dividendola in “quando sono a dieta” e “quando non sono a dieta” . Molte hanno avuto esperienze di diete classiche, restrittive e che prevedono esclusioni soprattutto di pane e pasta e hanno rinunciato ben presto a seguire piani alimentari giornalieri (in cui viene stabilito giorno per giorno, ad ogni pasto quello che deve essere consumato).

Questo tipo di dieta mostra una maggiore percentuale di abbandono da parte del paziente.

Il “drop out “ ha come conseguenza, soprattutto per noi donne che di diete ne seguiamo diverse nel corso della nostra vita, di rallentare il metabolismo, spesso di perdere massa muscolare anziché massa grassa innescando il ben noto effetto yo-yo.

DONNE IN GRAVIDANZA

Le famose pancine del Mommy’s Beauty Lounge , donne in gravidanza e in allattamento, lamentano spesso la mancanza di precise indicazioni nutrizionali per la loro condizione.

“Quanta carne devo mangiare nel II e III trimestre? E quanta pasta? Posso sostituire la carne con i legumi?”

Soprattutto per queste fasi della vita di una donna, per tutelare la salute della mamma e la crescita del bambino è fondamentale non improvvisarsi, ma rivolgersi a professionisti che prescriveranno quantità adeguate secondo i LARN (Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana).


Se sei una mamma che vuole prendersi cura del proprio corpo e del proprio benessere psicofisico, ti aspettiamo al prossimo BODYFIT DAY! 

Clicca in basso per scoprire la prossima data e prenotare la tua CONSULENZA GRATUITA.

Se invece sei in dolce attesa non perderti l’evento gratuito MOM TO BE:

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Professioniste dell’estetica e del benessere del Mommy’s Beauty Lounge ti terranno sempre aggiornata sulle novità e i consigli più utili per te! La bellezza non può attendere!
Inserisci la tua e-mail per ricevere GRATIS tutti i nuovi approfondimenti targati Mommy’s.

rivista mommy's institute